Version
Download72
Stock
Total Files5
Size2.59 MB
Create Date13 giugno 2023
Last Updated13 giugno 2023

LEŌNIDAS KAVAKOS, IL VIOLINISTA DEI VIOLINISTI, SCALA L'EVEREST BACHIANO
Mercoledì 14 giugno, alle 21.30 a Sant’Apollinare in Classe, per la prima di due serate

Uno dei più grandi violinisti al mondo si prepara a scalare la “montagna” bachiana. È Leōnidas Kavakos, atteso mercoledì 14 giugno alle 21.30 alla Basilica di Sant’Apollinare in Classe, ad affrontare le Sonate e Partite per violino solo di Johann Sebastian Bach, il capolavoro supremo e ineguagliato nella letteratura violinistica senza accompagnamento, banco di prova dei virtuosi più tecnicamente e spiritualmente preparati. Per Ravenna Festival, il musicista greco eseguirà la Partita n. 3 e le Sonate n. 2 e n. 3 nella serata del 14 giugno, completando il ciclo il giorno seguente, stesso luogo e stessa ora, con la Sonata n. 1 e le Partite n. 1 e 2 (conclusa dalla celebre Ciaccona). I “Sei solo” (come recita l'incipit del frontespizio sulla partitura) sono una riflessione ancora attuale sulle potenzialità del singolo strumento ad arco, esplorate da Bach oltre tre secoli fa secondo un linguaggio talmente atemporale e sovra-mondano da risultare sempre miracolosamente contemporaneo. L’appuntamento è possibile grazie al sostegno di Mazda Lineablù.

Perché Bach, maestro supremo dell'arte tastieristica, si cimentò anche con gli strumenti ad arco? La risposta viene da Cöthen, dove nel 1717 il Kantor trovò rifugio e possibilità di esprimersi liberamente dopo i dissidi col duca Guglielmo Ernesto di Sassonia a Weimar, tensioni che erano sfociate addirittura nel clamoroso arresto di Bach, “in ragione del suo atteggiamento pertinace a voler ottenere un congedo ingiustificato". Dopo un mese di prigione, Bach si trasferì a Cöthen, dove prese servizio come maestro di cappella e direttore della musica da camera per il principe Leopoldo. I severi valori calvinisti di questa corte rifiutavano però la musica liturgica eccessivamente elaborata: per questo Bach trovò il tempo di dedicarsi al repertorio secolare, dando libero sfogo ai suoi più grandi capolavori strumentali, dai Concerti brandeburghesi alle Suites per violoncello solo, dalle Ouverture per orchestra ai Soli per violino.

Il momento in cui si mette a punto una riflessione sulle Sei sonate e partite di Bach segna per ogni violinista un punto di svolta. Leōnidas Kavakos, che all’attività solistica affianca da qualche anno anche quella di direttore d’orchestra, ha oltrepassato quel punto lo scorso anno, con l’uscita del doppio album Sei solo (pubblicato per Sony). Sei solo è un titolo che fa da monito all’interprete e richiama, con filologica precisione, il gioco di relazioni tra “ritmo dell’armonia e armonia del ritmo”, come sostiene lo stesso Kavakos, nato ad Atene nel 1967 da una famiglia di musicisti e subito appassionatosi allo strumento, ricevuto in dono a soli cinque anni. Impressionante la mole di premi vinti, compreso il celebre “Paganini” e il “Sibelius” di Helsinki, trionfi che lo hanno portato a essere ospite regolare dei principali festival del mondo, da Salisburgo a Lucerna, nonché nelle stagioni concertistiche più prestigiose.

Domenica 18 giugno, alle 21 al Teatro Alighieri, Leōnidas Kavakos si unisce all’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini per il concerto sinfonico diretto da Hossein Pishkar, giovane direttore iraniano che è stato allievo dell’Italian Opera Academy di Riccardo Muti. Il programma include il celebre concerto per violino op. 77 di Brahms, la Musique funèbre di Witold Lutosławski e la Sinfonia da Requiem op. 20 di Britten.

Info e prevendite: 0544 249244 – www.ravennafestival.org

Biglietti: da 20 a 30 Euro (ridotti da 18 a 26 Euro)
I giovani al Festival under 18: 5 Euro | under 30 sconto 50% sui biglietti superiori a 20 Euro
Carnet Open (min. 4 spettacoli) -15% sul prezzo dei biglietti


FileAzione
Leonidas Kavakos RSPO, Oct 14 (credit Jan Olav Wedin) JPG  Download  
Leonidas Kavakos credit Marco Borggreve 28 JPG  Download  
Leonidas Kavakos credit Marco Borggreve 8 JPG  Download  
Leonidas Kavakos credit Marco Borggreve 7 JPG  Download  
Kavakos(c) Gregor Hohenberg : Sony Music Entertainment 3363 copia JPG  Download  

Download