Basilica di San Francesco - Ravenna Festival

Il poco che rimane dell’antica chiesa, fatta costruire nel V secolo dall’arcivescovo Neone, è quasi tutto sotto terra. Il piano originario infatti si trova oltre tre metri e mezzo più in basso del livello stradale di oggi. Attraverso una finestra sotto l’altare maggiore, si scorge la cripta del X secolo, un ambiente a forma di oratorio sorretto da pilastrini destinato a ospitare le reliquie del vescovo Neone. Il pavimento è costantemente sommerso dall’acqua, che tuttavia permette di ammirare i frammenti musivi del pavimento della chiesa originaria. Il campanile quadrato, alto quasi 33 metri, risale invece al IX secolo, come quello quasi identico di S. Giovanni Evangelista. Nella sua “Guida di Ravenna” del 1923, Corrado Ricci, sottolinea la qualità dei restauri eseguiti appunto sul campanile in quegli anni, ma lamenta la sostituzione delle campane secentesche e settecentesche “dal severo e poderoso suono”, con altre, dal timbro “stridulo”. Dedicata agli Apostoli Pietro e Paolo, poi intitolata solo a San Pietro Maggiore, assume il nome di San Francesco nel 1261, quando passa in concessione ai francescani con case, orti e portici circostanti. I frati conventuali devono abbandonarla nel 1810 per tornarvi poi stabilmente nel 1949. Nel frattempo rifatta e restaurata più volte, la basilica viene praticamente ricostruita nel 1793 da Pietro Zumaglini.
La basilica, dalla facciata semplice, rustica e serena, è indissolubilmente legata ai funerali di Dante Alighieri, celebrati con tutta probabilità il 15 settembre 1321, davanti alle massime autorità cittadine, con Guido Novello da Polenta in prima fila insieme ai figli del Sommo Poeta, Pietro e Jacopo, e alla figlia, suor Beatrice. Il poeta trecentesco Cino da Pistoia, “maestro” di Francesco Petrarca, dedica all’evento il poema Su per la costa, Amor, de l’alto monte, che si chiude con questi versi:
…quella savia Ravenna che serba
il tuo tesoro, allegra se ne goda,
ch’è degna per gran loda.
Quando i frati tornano a Ravenna, appunto nel 1949, ottengono dall’arcivescovo Giacomo Lercaro di rientrare nella “loro” basilica, la “chiesa di Dante”. E nell’imminenza del settimo Centenario della nascita di Dante si creano le condizioni una specifica attività “dantesca”. Ci pensa padre Severino Ragazzini (1920-1986) che fonda il Centro Dantesco e ne è direttore fino all’improvvisa morte. Con straordinaria passione si impegna per realizzare un’opera “che non avesse solo la durata di un centenario, ma si prolungasse nel tempo, prendendo sempre più spazio e importanza”. Il festival ha scelto di portare sotto quelle volte liturgie e canti sacri da tutto il mondo, recuperando una tradizione che risale alla seconda metà del 1600 quando, nel vicino convento e nella chiesa si udivano “musiche esquisite”.

Come arrivare

Piazza San Francesco, 1 – Ravenna

Spettacoli in questo luogo

Missa Hercules dux Ferrariae
Missa Hercules dux Ferrariae
In templo Domini - Liturgie nelle basiliche

20 giugno 2021
Basilica di San Francesco
Leggi e prenota
E io ch’al fine di tutt’ i disii / appropinquava
E io ch’al fine di tutt’ i disii / appropinquava
Ensemble vocale Odhecaton
Paolo Da Col, direttore

21 giugno 2021
Basilica di San Francesco
Leggi e prenota
Dante Nova
Dante Nova
La musica nella Commedia e l’Ars Nova

5-6 luglio 2021 | ore 21:30
Basilica di San Francesco
Leggi e prenota
Vox in Bestia
Vox in Bestia
Un prontuario di animali divini
un progetto di Laura Catrani per voce sola, narratore e video animazioni

7-8 luglio 2021 | ore 19:30
Basilica di San Francesco
Leggi e prenota