© Zani-Casadio

In memoria di Josquin Desprez (1455-1521) nel V centenario della morte
La Stagione Armonica

direttore Sergio Balestracci

Alberto Pedretti trombone contralto
Stefano Belotti trombone tenore
Fabio De Cataldo trombone basso
Lorenzo Feder organo

Inno Ave Maris Stella gregoriano

Josquin Desprez
Mottetto Ave Maris Stella

Loyset Compère
Mottetto Regina caeli (esecuzione solo strumentale)

Josquin Desprez
Missa Ave Maris Stella

Heinrich Isaac
Benedictus II

Josquin Desprez
Agnus Dei
Mottetto Mirabilia testimonia


“Josquin non dir che ’l ciel sia crudo et empio / che te adornò de sì sublime ingegno”, così Serafino Aquilano si rivolgeva a Josquin Desprez, come lui al servizio della corte degli Sforza. Un ingegno, quello del compositore di origine borgognona tra i più grandi innovatori della polifonia sacra, che ancora oggi desta ammirazione. Divenuto celebre anche grazie al precoce sviluppo della stampa musicale in Italia, egli fu profondamente legato al nostro paese dove dimorò dal 1484, prima a Milano poi alla corte pontificia fino al 1499, e infine dopo un breve periodo in Francia, a Ferrara a servizio del duca Ercole I d’Este. È probabilmente al soggiorno romano che risale la Missa Ave Maris Stella, costruita sull’omonimo inno gregoriano, che apre il percorso alla contemplazione estatica del divino, culminante nel mottetto Mirabilia testimonia (salmo 118).

Locandina
Programma di sala
Evento in streaming dal 13 giugno, ore 21.30 su ravennafestival.live