Orchestra Giovanile Luigi Cherubini
Riccardo Muti direttore

Franz Schubert
Ouverture in do maggiore “im italienischen Stile” D. 591
Sinfonia n. 9 in do maggiore “La grande” D. 944


Se non fosse stato per Robert Schumann, la Nona Sinfonia di Schubert sarebbe ancora tra i tesori nascosti della musica. Fu lui, nel 1839, a ritrovarla nelle carte del fratello del compositore, permettendone l’esecuzione postuma. Nel 1828 Schubert l’aveva proposta alla Società degli amici della musica di Vienna, all’epoca capitale indiscussa della civiltà musicale europea, la stessa città in cui quattro anni prima Beethoven fece la sua ultima apparizione pubblica, dirigendo nella stessa serata la Nona Sinfonia, la Missa Solemnis e un’Ouverture di qualche anno precedente cui era molto legato, “La consacrazione della casa”. Per Schubert, invece, doveva essere il primo grande appuntamento pubblico riservato a una sua sinfonia. Ma il lavoro fu giudicato superiore alle forze dell’orchestra e venne respinto. Pochi mesi dopo morì.