Cantiere Malagola
Don Chisciotte ad ardere
opera in fieri 2024

ideazione, drammaturgia e regia Ermanna Montanari e Marco Martinelli

in scena Ermanna Montanari, Marco Martinelli, Alessandro Argnani, Roberto Magnani, Laura Redaelli e le cittadine e i cittadini della Chiamata Pubblica

musiche Leda
commissione di Ravenna Festival

sound design Marco Olivieri
spazio scenico Ludovica Diomedi, Elisa Gelmi, Matilde Grossi
disegno dal vivo Stefano Ricci
costumi Federica Famà, Flavia Ruggeri
disegno luci Luca Pagliano
direzione tecnica Luca Pagliano, Alessandro Pippo Bonoli e Fagio

coproduzione Teatro delle Albe/Ravenna Teatro, Ravenna Festival e Teatro Alighieri


Inizia con una processione degli “erranti” la seconda anta di Don Chisciotte ad ardere: sono coloro che fuggono dal rogo dei libri, l’episodio con cui si è conclusa, lo scorso anno, la prima anta.
I maghi (Hermanita e Marcus), insieme agli erranti e alle maschere (Don Chisciotte, Dulcinea, Sancio) arrivano alle rovine di un “castello” e vi entrano insieme a un coro di adolescenti: passano attraverso un corridoio di muri pieno di rimbombi sonori, e accedono a un prato. Lì i maghi e le maschere preparano la storia centrale di questa seconda anta: la “schiava di Algeri”, novella centrale nella polifonia del romanzo di Cervantes.
Montanari e Martinelli, anche in questa parte, mettono in luce il dubbio, la ferita, che Cervantes ci pone sulla relazione articolata tra realtà e sogno.