© Zani-Casadio

Chaos String Quartet

Susanne Schäffer, Eszter Kruchió violino
Sara Marzadori viola
Bas Jongen violoncello

Felix Mendelssohn Bartholdy
Quartetto in la minore op. 13

György Ligeti
Quartetto n. 1 “Métamorphoses nocturnes”

Claude Debussy
Quartetto in sol minore op. 10

in collaborazione con Scuola di Musica di Fiesole
ECMA – European Chamber Music Academy


È il 1827, Beethoven muore, ma vengono anche pubblicati i suoi ultimi Quartetti, estremo enigmatico lascito che certo non passa inosservato a casa Mendelssohn, tanto che il giovane Felix ne riversa subito la lezione nel Secondo quartetto: con il preambolo liederistico e, soprattutto, con la forma ciclica e il complesso principio variativo. Gli stessi tratti che a fine Ottocento permeano il cangiante tessuto armonico e timbrico dell’op. 10 di Debussy. E che, nella mutata temperie espressiva, ritroviamo a metà Novecento nelle Metamorfosi ligetiane, “notturne” perché intime, private, quindi al riparo dai condizionamenti del regime di Budapest. Dunque, se a unire i giovani virtuosi del Chaos String Quartet è, come raccontano, la voglia di “esplorare gli estremi e l’imprevedibilità della creazione artistica”, chi meglio di loro potrà ancora una volta far germogliare il “futuro” seminato quasi due secoli fa?

Locandina
Programma di sala
Evento in streaming dal 14 giugno, ore 21.30 su ravennafestival.live