Orchestra Giovanile Luigi Cherubini
direttore e violino
Leōnidas Kavakos

Felix Mendelssohn
Concerto per violino e orchestra in mi minore op. 64

Johannes Brahms
Sinfonia n. 1 in do minore op. 68


Violinista di terza generazione, Leōnidas Kavakos maneggia il suo Stradivari con la disinvoltura del grande virtuoso e al tempo stesso con il timore reverenziale che si deve a un prezioso pezzo di storia. Il senso di prodigio che accompagna il musicista greco fin dalle sue prime esibizioni resiste intatto alla maturità dei cinquant’anni e alla responsabilità del podio. E non può che esprimersi compiutamente in una delle pagine irrinunciabili per ogni virtuoso che voglia dirsi tale: il Concerto che Mendelssohn compone per il leggendario violinista Ferdinand David, che lo esegue nel 1845, raro equilibrio di slancio melodico e commosso lirismo in una solida, eppure originale, struttura formale. Quella solidità che, trent’anni dopo, certo non mancherà alla prima e sofferta pagina sinfonica di Brahms.