Sound, Stones, Sunset

Fabio Mina flauti, duduk, khaen, elettronica, field recording
Geir Sundstøl pedal steel guitar, dobro


Spazi antichi e senza tempo, su cui vegliano gli spiriti di marinai di tutto il mondo, diventano il golfo mistico e la platea per il concerto di un duo inedito, che parte da punti cardinali diversi, ma indaga in modo analogo le sonorità di tutto il mondo. Gli strumenti a fiato del romagnolo Fabio Mina e quelli a corda del norvegese Geir Sundstøl, tutti tradizionali e allo stesso modo poco comuni, raccontano le atmosfere del tramonto, lavorando con l’arte dell’improvvisazione su tutte le sfumature dei colori musicali, anche grazie all’elettronica dal vivo. Jazz e folk di respiro cinematografico colorano così le pietre della strada basolata dell’Antico Porto di Classe come gli ultimi raggi caldi del sole e addirittura ne seguono il mutare fino al crepuscolo.