Version
Download556
Stock
Total Files4
Size1.69 MB
Create Date21 novembre 2017
Last Updated21 novembre 2017

Trilogia d’Autunno sull’orlo del Novecento
Mercoledì 22 novembre sul palco dell’Alighieri ritorna Pagliacci

La Trilogia d’Autunno di Ravenna Festival prosegue con Pagliacci che, dopo il successo della prima di sabato scorso, ritorna sul palco del Teatro Alighieri mercoledì 22 novembre alle 20.30 (l’ultima replica è in programma sabato 25 sempre alle 20.30).  Fino al 26 novembre la Trilogia ‘sull’orlo del Novecento’ alternerà opere, tutte composte a cavallo fra i due secoli: il trittico si completa, sera dopo sera, con le repliche di Cavalleria (24 novembre) e Tosca (23 e 26). Cavalleria e Pagliacci remix apriranno le serate delle opere di Mascagni e Leoncavallo con il racconto originale e inaspettato, frutto dell’incontro fra ragazzi dagli 8 ai 18 anni e opere in grado di catturare l’immaginazione anche delle generazioni più giovani.

In Pagliacci il circo si trasfigura in un set cinematografico in bianco e nero, dove le luci inseguono i personaggi svelandone i sentimenti “Perché se non esiste rito più rito del circo – sottolinea Cristina Muti che firma la regia dell’opera - è anche vero che il cinema è il grande rito collettivo della modernità, inaugurato negli stessi anni in cui queste opere si impongono al pubblico”. Immersa in un bianco e nero che evoca gli albori del muto, la scena è costruita per sciabolate di luci: ideazione spazio e luce portano la firma di Vincent Longuemare, mentre i costumi sono di Alessandro Lai. L’Orchestra Orchestra Giovanile Cherubini è diretta da Vladimir Ovodok; il Coro del Teatro Municipale di Piacenza è preparato da Corrado Casati, mentre le voci bianche del coro Ludus Vocalis sono dirette da Elisabetta Agostini. Nell’opera di Leoncavallo Estibaliz Martyn e Igor Onishchenko vestono i panni dei giovani amanti Nedda e Silvio mentre Kiril Manolov - che con il Falstaff della Trilogia 2013 si è imposto all’attenzione del pubblico italiano - interpreta Tonio. Il tenore Diego Cavazzin è il geloso Canio mentre Beppe ha la voce di Giovanni Sala.

In Pagliacci remix protagoniste sono le Giovani Energie Creative per Ravenna Festival, un gruppo di ragazzi fra gli 8 e i 18 anni chiamati a scoprire il capolavoro di Leoncavallo con un racconto originale della celeberrima opera. In questo caso il ritmo della narrazione è affidato al rapper Nicola Russo, che è autore dei propri testi. Sono autori di musiche e testi originali anche i fratelli Elena e Francesco Faggi, oltre che di rielaborazioni dei temi di Leoncavallo, al pari di Alessandro Salaroli al sax. Al piano, nel canto e nella danza, oltre ai Faggi, si esibisce anche Giulia Bisanti. Fra i ballerini Carlotta Severi e Luca Sangiorgi (hip hop, break dance), mentre sui pattini a rotelle Melissa Balaj. Il piccolo “coro” che accompagna e commenta gli eventi è composto da Lucia Gardelli, Matilde Liotta, Thu Thuy Romoli, Giulia Sanasi, Gjoka Lucrezia Noa Venturi, Andrea Zannini.

Info e prevendite: 0544 249244 – www.ravennafestival.org
Biglietteria serale al Teatro Alighieri dalle ore 19.30
Biglietti:
da 15 euro a 55 euro
I giovani al festival’: fino a 14 anni, 5 euro; da 14 a 18 anni e universitari, 50% tariffe ridotte.

Lyri Live, l’app gratuita e multilingue (italiano, inglese, francese) sarà a disposizione di tutti gli spettatori anche per Pagliacci, sostituendo i sovratitoli con la sincronizzazione in tempo reale del libretto d’opera sul proprio smartphone o tablet.


FileAzione
Pagliacci©Zani Casadio CIK6782 (JPG)  Download  
Pagliacci TonioKirilManolov NeddaEstibalizMartyn © Zani Casadio CIK6261 (JPG)  Download  
Pagliacci©Zani CasadioZAN (JPG)  Download  
Pagliacci©Zani CasadioZAN 7205 (JPG)  Download  

Download