Version
Download282
Stock
Total Files9
Size3.77 MB
Create Date6 luglio 2019
Last Updated6 luglio 2019

EDIPO A COLONO: IL DRAMMA DEL RE CIECO NELLA RISCRITTURA DI RUGGERO CAPPUCCIO
Lunedì 8 luglio, ore 21, al Teatro Alighieri con la regia di Rimas Tuminas

La scrittura teatrale è uno dei lasciti più importanti della Grecia classica, uno dei tasselli più significativi della nostra identità culturale, punti di riferimento attorno ai quali continua a ruotare la riflessione dell’uomo moderno nel tentativo di rispondere alle domande che da sempre lo assillano, fonte inesauribile per sempre nuove riscritture. Come quella proposta da Ruggero Cappuccio con Edipo a Colono, pièce liberamente ispirata all’omonima opera di Sofocle, che va in scena con la regia del lituano Rimas Tuminas lunedì 8 luglio alle 21 al Teatro Alighieri, scavando nel cuore tematico di Ravenna Festival dedicato in questa XXX edizione proprio alla terra greca, al suo ingombrante passato come alla difficile attualità e all’indomito spirito che la attraversa. Lo spettacolo è realizzato con il contributo di Confindustria Romagna - Gruppo Giovani Imprenditori.

A dar voce e corpo alla tragedia rivisitata da Cappuccio, autore forte di una straordinaria esperienza teatrale, una nutrita compagnia di attori: Claudio Di Palma nei panni di Edipo, Marina Sorrenti, in quelli di Antigone, Franca Abategiovanni come Capocoro, Giulio Cancelli come Polinice, Davide Paciolla come Teseo e Rossella Pugliese come Ismene. Ai quali si aggiungono le voci cui è affidato il “coro”, mentre le scene e i costumi sono di Adomas Jacovskis, il disegno luci di Eugenius Sabaliauskas e le musiche di Faustas Latenas.

Il testo, scritto secondo i dettami del genere narrativo-poetico, trasporta il pubblico in un indistinto luogo della memoria, sospeso nel tempo in cui i segni incancellabili della classicità si specchiano nel clima novecentesco della psicanalisi, delle guerre, delle lotte tra popoli per il raggiungimento del potere. È lì che giunge Edipo: l’ombra di Antigone lo guida attraverso uno spazio rituale votato alla sofferenza e alla purificazione. E qui il vecchio cieco scopre che solo attraverso il dialogo con il buio della maledizione e della colpa è possibile un’intuizione del mondo. Del resto, la tragedia di Sofocle è forse il più alto paradigma del dolore. In esso risplendono le radici delle energie misteriose che il genere umano è stato chiamato a sfidare nell’arco di migliaia di anni. La trasmissione transgenerazionale del male brilla in una forma poetica in cui filosofia, ritualità e libero arbitrio si danno un appuntamento fatale.

Nella riscrittura di Ruggero Cappuccio, come egli stesso spiega
, “la lingua che riaccende le luci dell’istinto e della ragione dei personaggi, è un italiano eroso al suo interno dal vitalismo ellenico della Sicilia e di Napoli: gli endecasillabi e i settenari che compongono la partitura di questo Edipo, liberano una polifonia ancestrale di suoni tesi a illuminare il dramma del re cieco attraverso una potenza sensuale oltre che cerebrale. Il processo di conoscenza del sé racconta come tra sofferenza e bellezza esista una relazione strettissima e dice che l’arte non è fatta per guarire le ferite”. Ed è proprio entrando nel profondo del testo che il regista lituano, da oltre dieci anni direttore artistico di uno dei più importanti teatri moscoviti, il Teatro Vakhtangov, mette in luce la complessità, ma anche l’intramontabile attualità, dei personaggi. Perché “la cosa più importante nella vita – sostiene Tuminas - è riuscire a vedere ciò che abbiamo intorno. Un attore sale sul palcoscenico per trovare la verità di un personaggio ed accompagnarlo sul sentiero della percezione”.

Lo spettacolo è prodotto dal Teatro Stabile Napoli-Teatro Nazionale con la Fondazione Campania dei Festival-Napoli Teatro Festival Italia.

Info e prevendite
: 0544 249244 – www.ravennafestival.org
Biglietti: da 12 (ridotto 10) a 22 Euro (ridotto 20)
I giovani al festival: fino a 14 anni, 5 euro (esclusa platea); da 14 a 18 anni e universitari (under 30), 50% tariffe ridotte.


Ruggero Cappuccio Nato a Torre del Greco nel 1964, è scrittore, drammaturgo e regista. Con il romanzo La notte dei silenzi (Sellerio, 2007) è finalista al Premio Strega 2008. Con Fuoco su Napoli (Feltrinelli, 2010) vince il Premio Napoli e il Premio Vittorini 2011. Segue La prima luce di Neruda (Feltrinelli, 2016). Per il cinema e la televisione cura le sceneggiature e firma le regie di Il Corpo di Napoli, Lighea, Il sorriso dell’ultima notte, Rien va, Paolo Borsellino Essendo Stato, Examleto, La lingua di fuoco. Come autore di teatro, scrive e dirige nel 1993 Delirio marginale (Premio IDI), Il sorriso di San Giovanni (Premio Ubu novità italiana,1997), Spaccanapoli Times (Premio Le maschere del teatro italiano Migliore Autore di novità italiana, 2016). Per la collana “Classici del teatro” di Einaudi pubblica Shakespea Re di Napoli (Premio Speciale Drammaturgia Europea, 1995), Edipo a Colono (2001) e Le ultime sette parole di Caravaggio (2012). Firma numerose regie liriche per La Scala, il Festival di Salisburgo, l’Opera di Roma, il Maggio Musicale Fiorentino e il Teatro San Carlo di Napoli.

Rimas Tuminas
Insignito del Premio di Stato della Federazione Russa e del Premio Nazionale della Lituania, nonché dell’onorificenza russa “Ordine dell’amicizia”, ha all’attivo oltre venticinque spettacoli tra Russia e Europa. Tiene regolarmente seminari e laboratori sull’arte della regia teatrale. Dopo aver fondato nel 1990 il Teatro Maly di Vilnius, nel 2007 viene nominato direttore artistico del Teatro Vakhtangov di Mosca che, sotto la sua guida, si afferma tra le più importanti compagnie teatrali del Paese. Tra gli spettacoli messi in scena al Teatro Vakhtangov: Zio Vanja di Anton Cechov, The Masquerade di Michail Lermontov, Il vento tra i pioppi di Gerald Sibleyras, The Haven (tratto dalle opere di diversi autori), Evgenij Onegin di Aleksandr Puškin, Smile to us, O Lord di Grigorijus Kanovicius, Minetti di Thomas Bernhard e l’Edipo Re di Sofocle.


FileAzione
Una scena di Edipo a Colono regia di Rimas Tuminas 1 (JPG)  Download  
Claudio Di Palma in Edipo a Colono regia di Rimas Tuminas 5 (JPG)  Download  
Cladio Di Palma e Marina Sorrenti in Edipo a Colono regia di Rimas Tuminas 1 (JPG)  Download  
Una scena di Edipo a Colono regia di Rimas Tuminas 3 (JPG)  Download  
Claudio Di Palma in Edipo a Colono regia di Rimas Tuminas 4 (JPG)  Download  
Claudio Di Palma in Edipo a Colono regia di Rimas Tuminas 1 (JPG)  Download  
Una scena di Edipo a Colono regia di Rimas Tuminas 2 (JPG)  Download  
Fulvio Cauteruccio e Claudio Di Palma in Edipo a Colono regia di Rimas Tuminas (JPG)  Download  
Fulvio Cauteruccio e Claudio Di Palma in Edipo a Colono regia di Rimas Tuminas 2 (JPG)  Download  

Download