Version
Download52
Stock
Total Files4
Size1.57 MB
Create Date12 luglio 2019
Last Updated13 luglio 2019

BATTE FORTE IL CUORE DEI PINK FLOYD CON I NICK MASON’S SAUCERFUL OF SECRETS
Domenica 14 luglio, alle 21.30, al Pala De André per Ravenna Festival

Lui c’è stato. A ogni prova, ogni concerto, ogni seduta d’incisione; seduto dietro la batteria sin dal primo giorno di un band che ha riscritto la storia - e la leggenda - della musica. E non ha mai perso la bussola nel corso dei decenni, non si è fatto tentare dalle celebrazioni magniloquenti (la sua biografia del gruppo è godibile per quanto è ironica), dal titanismo compositivo, dal perfezionismo maniacale, dalle perdizioni lisergiche e dalle tendenze eremitiche. Nick Mason è, insomma, il più titolato tra i Pink Floyd rimasti in campo ad affrontare l’impresa di ricostruire con cervello, cuore e tecnica ciò che nacque dall'istinto, dalla follia e dalla spregiudicatezza. Lo dimostra a Ravenna Festival domenica 14 luglio, alle 21.30 al Pala De André, con i Saucerful of Secrets, superband che Mason ha creato nel 2018 con Gary Kemp degli Spandau Ballet, lo storico collaboratore e bassista Guy Pratt, il chitarrista Lee Harris dei Blockheads e Dom Beken alle tastiere, mettendo subito le cose in chiaro: non è un tributo al passato, ma il desiderio di catturare lo spirito dell’era psichedelica che innervò corpo, visioni e suono dei Pink Floyd. Conclusione: Nick Mason c’è, e con lui il battito del cuore dei Pink Floyd. La serata è realizzata con il contributo di Coop Alleanza 3.0.

Se vi siete mai chiesti che suono facessero i Pink Floyd quando hanno fatto irruzione sulla scena musicale britannica, il Pala De André è il posto giusto dove trovarsi. Per imbarcarsi in un viaggio nel tempo dove il passato sa di futuro: il suono è immenso, elettrizzante, ipnotico…e profondamente altro, stravagante, dritto-dritto da un altro pianeta, o da una storia prima della storia. Da chiedersi se il rock sia progredito davvero dagli anni Sessanta. Nick Mason è probabilmente l’unico a potersi permettere di riportare in scena il “suono delle origini” della band che ha introdotto la prismatica luce della psichedelia nel lessico, nell’immaginario e nel mito della musica giovanile. E non c’è nostalgia alcuna nel progetto del “cuore battente dei Pink Floyd” che da qualche tempo porta in giro per il mondo Nick Mason, perché davvero questa musica è intrinsecamente anarchica e bruciante, eternamente proiettata verso l’ignoto.

“Ci sono tante canzoni che il pubblico si perde - lamentava Mason qualche anno fa - la gente pensa che siamo nati con Dark Side of the Moon, ma noi esistevamo anche prima ed eravamo una band underground”. E allora questo progetto spericolato - sarà che Mason ha anche una passione per l’alta velocità e i bolidi d’epoca - ritorna al debutto alieno e scintillante di The Piper at the Gates of Dawn e a, ovviamente, A Saucerful of Secrets, partorito nell’anno di grazia 1968. Un disco che ancora oggi sembra una jam session forsennata e baciata da un tocco extraterrestre: bandita ogni remora per la forma canzone, i Pink Floyd si addentrarono nei viluppi elettrici e nelle derive cosmiche che Syd Barrett aveva spalancato a partire dal folk britannico e da rudimentali elementi di boogie a stelle e strisce. E approdarono al di là delle visioni del leader, liberando la musica giovanile tutta dalle costrizioni ritmiche e armoniche.

Di quei Pink Floyd, che traevano forza creativa dalla precarietà in cui navigavano a vista, Nick Mason e la sua nuova accolita di psichedelici fiancheggiatori hanno l’ardire di suonare brani come Astronomy Domine, Green Is the Colour, A Saucerful of Secrets, che solo i fan più longevi avevano ascoltato dal vivo, e anche canzoni mai eseguite in scena, come le leggendarie Lucifer Sam, Arnold Layne e Bike. Che sia distorto garage rock o proto-shoegaze, la set list tenta di ricreare l’ineffabile e ritrovare la scintilla; perché - come Mason sottolinea - “il piacere di suonare la batteria è rimasto inalterato” e forse è anche tempo di recuperare quella “atmosfera di comunità, dove artisti di ogni genere, non solo musicali, condizionavano le performance e i suoni”, il naturale habitat, insomma, per quei due primi storici - anzi, mitologici - album. Prima che Syd Barrett uscisse di scena, pur lasciando in dote ai compagni alcune canzoni e scampoli di quel genio visionario che ha permesso alla band di prendere il volo dai linguaggi terreni della musica rock.

“Non avevamo cose da offrire che non fossero idee e inventiva - dice Mason di quegli anni - era l’inizio di un viaggio di scoperta che ci coinvolgeva completamente”. Mason è tornato a suonare dal vivo nel 2018, oltre dieci anni dopo il tentativo di reunion presto naufragato - complice anche la morte di Richard Wright; nel 2005 si era infatti unito sul palco a David Gilmour, Roger Waters e Wright per la prima volta dopo ventiquattro anni per il Live 8. Ma con Nick Mason’s Saucerful of Secrets “la cosa interessante è che non si nota quanto tempo sia passato, la forza di quella musica è rimasta intatta, contiene ancora opportunità di scoprire cose nuove e inedite, anche oggi”. Il batterista, allora, è forse il solo a poter placare la sete dei fan, svelando gli ultimi segreti dei Pink Floyd. Nella speranza che ce ne siano altri.

Info
: 0544 249244 www.ravennafestival.org
Biglietti: da 35 a 65 Euro
Il servizio navetta gratuito per il Palazzo de André, realizzato con il contributo di Tecno Allarmi Sistemi, percorrerà 2 volte la tratta Stazione – Palazzo M. De André, con partenza da Piazza Farini, alle ore 20.30 e 20.45. Al termine dello spettacolo due corse riporteranno gli spettatori al capolinea.


FileAzione
NIckMason ph Jill Furmanovsky (JPG)  Download  
Nick Mason ph Jill Furmanovsky3 (JPG)  Download  
Nick Mason ph Jill Furmanovsky2 (JPG)  Download  
Nick Mason ph Jill Furmanovsky (JPG)  Download  

Download